I due precetti dell'Amore

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 08 gennaio 2012
Domenica, 8 Gennaio, 2012

Dai “Trattati su Giovanni” di sant'Agostino,vescovo, leggiamo:

...Ricordiamo insieme, fratelli, quali sono questi due precetti....
L'amore di Dio è il primo come comandamento, ma l'amore del prossimo è primo come attuazione pratica....Siccome però Dio tu non lo vedi ancora, amando il prossimo ti acquisti il merito di vederlo; amando il prossimo purifichi l'occhio per poter vedere Dio, come chiaramente afferma Giovanni: Se non ami il fratello che vedi, come potrai amare Dio che non vedi? (cfr.1Gv 4, 20). Se sentendoti esortare ad amare Dio, tu dicessi: Mostrami colui che devo amare, io non potrei che risponderti con Giovanni: Nessuno mai vide Dio (cfr.Gv 1, 18). Ma perché tu non ti creda escluso totalmente dalla possibilità di vedere Dio, lo stessoGiovanni dice: “Dio è amore; chi sta nell'amore dimora in Dio” (1Gv 4, 16). Tu dunque ama il prossimo e guardando dentro di te donde nasca questo amore, vedrai, per quanto ti è possibile, Dio.

Comincia quindi ad amare il prossimo. Spezza il tuo pane con chi ha fame, introduci in casa i miseri senza tetto, vesti chi vedi ignudo, e non disprezzare quelli della tua stirpe (cfr.Is 58, 7). Facendo questo che cosa otterrai? “Allora la tua luce sorgerà come l'aurora” (Is 58, 8). La tua luce è il tuo Dio, egli è per te la luce mattutina perché verrà dopo la notte di questo mondo: egli non sorge ne tramonta, risplende sempre.

Amando il prossimo e prendendo cura di lui, tu cammini. E dove ti conduce il cammino se non al Signore, a colui che dobbiamo amare con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutta la mente? Al Signore non siamo ancora arrivati, ma il prossimo l'abbiamo sempre con noi. Aiuta, dunque il prossimo con il quale cammini, per poter giungere a colui con il quale desideri rimanere.

Dio ci ha amato per primo, e ha mandato il suo Figlio come vittima per i nostri peccati. Se così Dio ha amato noi, anche noi dobbiamo amarcigli uni gli altri.

Questa Parola di Dio, commentata da sant'Agostino, entri e abiti nel nostro cuore, perché l'Anno appena iniziato sia benedetto per noi e ci faccia essere luce per quanti Dio ci farà incontrare lungo tutto il 2012.

La Vergine Madre ci conduca in questo nostro percorso di
Iniziazione Cristiana!

(Alessio don Severino)

Ultimi Editoriali

Quaresima: poniamoci in ascolto della Parola di Dio!

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 18febbraio 2024
18 Feb 2024
Quaresima: poniamoci in ascoltod ella Parola di Dio! Carissimi, intanto...

La grazia della Quaresima

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 5 febbraio 2024
4 Feb 2024
  La grazia della Quaresima Carissimi, eccoci alle porte della Quaresima...

Il nostro Dio è il Dio della vita!

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 22 gennaio 2024
28 Gen 2024
Il nostro Dio è il Dio della vita! Carissimi, ci stiamo avvicinando alla...

La pace e padre Ottavio di Faenza tra noi

La pace e padre Ottavio di Faenza tra noi
14 Gen 2024
  La pace e padre Ottavio di Faenza tra noi   Carissimi, apriamo il...

Gesù, principe della pace, vieni tra noi!

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 18 dicembre 2023
17 Dic 2023
Carissimi, Natale è alle porte con le sue luci artificiali, le corse ai regali...