Festa della Comunità

Immagine dell'Editoriale del parroco Festa della Comunità
Domenica, 6 Giugno, 2010

Oltre la sorpresa...la meraviglia

Padre Giuseppe Moretti, nel suo libro “Io danzo con Dio”, pagine 88-89, scrive: “Sorpresa e meraviglia non sono la stessa cosa. Si assomigliano, ma la seconda ha un'incidenza molto più profonda sulla persona. La sorpresa è uno stato emotivo conseguente ad un evento inaspettato o contrario all'aspettativa di chi lo sperimenta. Dura pochi istanti ed è in genere seguita da paura o gioia. E' come una finestra che si apre su di un mondo inaspettato, potrebbe essere bello o brutto; qui appunto sta la sorpresa.-La sorpresa è un fuoco che brucia in fretta, lasciando solo un po' di cenere. Sorpresa è qualcosa fuori di noi che ci colpisce oppure è il sentimento che nasce in noi di fronte a qualcosa di inatteso.
Ben altra cosa è la meraviglia. Meraviglia deriva dal verbo latino mirare e significa “guardare intensamente”.

Mentre la sorpresa ci coglie emotivamente, la meraviglia ci coinvolge come in un vortice. Gesù ha provato meraviglia per la fede della donna cananea, ma anche per l'incredulità dei suoi compaesani o per il fatto che di dieci lebbrosi guariti uno solo sia tornato a ringraziarlo ed era uno straniero.
La meraviglia è come una danza che tende a coinvolgerti, facendoti partecipare al suo ritmo.

Ma perché la meraviglia trovi il terreno per mettere radici bisogna rimuovere atteggiamenti di invecchiamento dal cuore, quali l'abitudine, l'assuefazione, la monotonia, la rassegnazione, la stanchezza, la delusione”.Partecipando alla festa della Comunità, domenica 30 maggio u.s., ho provato sorpresa per l'adesione di 200 persone (desidero comunicare che varie persone hanno avuto la sensibilità di giustificare la loro assenza), ma soprattutto ho provato meraviglia per la bella partecipazione dei presenti.
Innanzi tutto, un sincero e doveroso grazie a tutti coloro che hanno dedicato gratuitamente il loro tempo per la preparazione e la realizzazione dell'evento; un grazie anche a tutti i partecipanti, che hanno saputo esprimere la gioia del trovarsi insieme, quale momento eucaristico.

Come è stato gratificante sentire da varie persone:”Che bello... Grazie... questa è la festa della gratuità... a quando la prossima festa?... come è stato preparato bene...complimenti e bravi a chi ha preparato...vale la pena qualche sacrificio...sono inevitabili alcuni limiti, importante non fermarsi... ringraziamo il Signore che ci ha dato il bel tempo e questa bella esperienza.....”.
Sentire, esprimere e comunicare meraviglia è manifestazione di vera fede, perché si riconosce l'opera del Signore nostro Dio presente nel nostro cuore e nel nostro agire, come ci insegna Maria di Nazareth. E' questo il modo nuovo di vivere e trasmettere la nostra fede in un mondo che cambia. Il mondo d'oggi ha bisogno di testimoni gioiosi e di testimonianza serena.

Guardiamo e annunciamo sempre le cose belle, anche se piccole!
Continuiamo il nostro “diventare sempre più Comunità viva”, sotto la protezione e l'intercessione della Vergine Maria e di S.Antonio, alla luce dello slogan “Un Chicco, Tanti Chicchi, Un solo Pane”.

(Alessio don Severino)

Ultimi Editoriali

Quaresima: poniamoci in ascolto della Parola di Dio!

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 18febbraio 2024
18 Feb 2024
 

La grazia della Quaresima

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 5 febbraio 2024
4 Feb 2024
  La grazia della Quaresima Carissimi, eccoci alle porte della Quaresima...

Il nostro Dio è il Dio della vita!

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 22 gennaio 2024
28 Gen 2024
Il nostro Dio è il Dio della vita! Carissimi, ci stiamo avvicinando alla...

La pace e padre Ottavio di Faenza tra noi

La pace e padre Ottavio di Faenza tra noi
14 Gen 2024
  La pace e padre Ottavio di Faenza tra noi   Carissimi, apriamo il...

Gesù, principe della pace, vieni tra noi!

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 18 dicembre 2023
17 Dic 2023
Carissimi, Natale è alle porte con le sue luci artificiali, le corse ai regali...